Quadro volto santo


CreAtiva di Raffaella Frese

17353389_1475358825817377_5047908099898274207_n

Tutte le creazioni sono prodotti artigianali, realizzati interamente a mano ! tutte fatte con passione e cura..Ideale per qualsiasi evento: Nozze, Nascita, Prima Comunione,Cresima,Battesimo. Laurea o per qualsiasi altra ricorrenza si voglia festeggiare. Ogni articolo è fatto a mano con amore e professionalità e pazienza. Per qualsiasi informazioni o delucidazioni, Potete mandare un messaggio in privato in pagina (Il tasto “Messaggi” Lo trovate sotto la copertina della Pagina sulla destra.
(La semplicità delle piccole cose fatte con il cuore) Bomboniera cornice con volto santo

View original post

Annunci

Un giorno una giovane donna impaurita dal domani


complicita (1)

Un giorno una giovane donna impaurita dal domani, mi si avvicino con uno sguardo triste e mi disse: ho paura di non essere all’altezza! Ho paura di non essere in grado di affrontare la vita, le difficoltà, gli ostacoli, i limiti imposti da questa società. Ho paura e questa paura mi frena, m’immobilizza, non mi rende padrona dei miei attimi, dei miei giorni. La guardai e le dissi; neanche io sono all’altezza di ciò che la vita mi regala tutti i giorni, ma io combatto, affronto e non mi abbatto!! Ma soprattutto non ho paura. Non ho paura, perché non mi serve il consenso del mediocre opportunismo che mi circonda; per godermi l’essenza della vita. Non mi serve il consenso della pallida irresponsabilità di questa società sterile, io credo in me e non ho bisogno di consensi per sentirmi all’altezza. Io non ho paura. Tutto si affronta, combattendo il disordine che dimora nelle nostre incapacità di vivere la vita. Io non ho paura e in grande stile adoro la vita, perché credo in me stessa. Ed è quello che dovrebbe fare chiunque, credere in se stesso\a. E anche tu giovane amica, padrona della tua dignità, è questo che devi fare; credere di più in te stessa, ricordando che sei molto di più di quello che vogliono farti credere. Non avere paura, combatti.

di Raffaella Frese

Tempo fa la delusione stava passeggiando sui viali della solitudine,


hqdefault

Tempo fa la delusione stava passeggiando sui viali della solitudine, quando in lontananza scorse un’ombra. Accovacciata sulla sabbia, accettava la sconfitta, mentre lacrime copiose scendevano impetuose. La delusione si avvicinò e dolcemente appoggiandogli la mano sulla spalla gli disse: dolce creatura che appartieni al tempo, perché non hai parole per esprimere il tuo tormento? Sfogati non reprimere ciò che hai dentro. Urla forte! “Sono il dolore”, una flebile voce rispose. E non ho più parole. Non ho più parole. Tu Solitudine hai ancora forza per passeggiare tra i meandri della solitudine, hai ancora quella mera speranza che chi ti ha deluso ritorni sui suoi passi, hai ancora uno spiraglio di luce che possa cicatrizzare la tua anima. Io Cara amica. Io, non ho più niente, Nulla. Tutto ciò che mi era caro si è spento, tutto ciò che amavo giace qui con me, nelle lacrime che scendono, nelle urla del mio cuore, nella consapevolezza che la vita intorno a me continua, ma io, io giaccio qui; dove l’amore mio si è spento, dove le certezze sono ali volate lontano. Per me nessuna medicazione, medicina guarirà la mia anima, nessuna speranza mi ridonerà ciò che il destino ha voluto sopprimere alla mia esistenza. Quindi lasciami, lasciami respirare le mie nocive consapevolezze, lasciami elaborare il mio dolore e forse un giorno ripartirò da lì.

di Raffaella Frese

Un giorno per strada incontrai la sincerità.


pizap-com14884516906724Un giorno per strada incontrai la sincerità. Fischiettando allegramente se ne andava in giro. Stupita la salutai, e dato che la curiosità è il mio tallone di Achille, le domandai; dove te ne vai così contenta? Mi guardo ed esitò un attimo nel rispondermi. Poi con un gesto da gran signora, dolcemente mi prese la mano sussurrandomi all’orecchio: vado dove l’abbaglio dell’egoismo è divenuto notte profonda. Vado dove la superficialità è divenuta cattiveria, vado dove il mio cuore mi conduce, dove hanno bisogno di me perché hanno dimenticato che sono l’unica fonte dove attingere vita, per essere felici.

di Raffaella Frese