Siamo abituati a misurare con il metro delle nostre convinzioni le emozioni degli altri


9908bd6ebed8b778c0c60b7dd8a2ec03

Siamo abituati a misurare con il metro delle nostre convinzioni le emozioni degli altri, i loro sentimenti, le loro mancanze, le loro scelte, il loro dolore e gioia. Siamo abituati a dare giudizi troppo affrettati senza riflettere e senza avere troppa sensibilità e tatto, puntiamo il dito e giudichiamo secondo ciò che sentiamo noi. Ma non siamo tutti uguali, ognuno percepisce e agisce in modo diverso. E non è detto che se per me va bene una cosa deve andare bene per forza anche ad un’altra persona. Viviamo le nostre sensibilità in modo diverso, ma è giusto così. Ci vorrebbe più sensibilità e più tatto nel toccare il cuore di un’altra persona, meno egoismo, e più rispetto. Ci vorrebbe più altruismo e Quel metro di menefreghismo scomparirebbe nella superficialità delle nostre convinzioni.

Copyright reserved © di Raffaella Frese

Annunci

12 risposte a “Siamo abituati a misurare con il metro delle nostre convinzioni le emozioni degli altri

  1. questo è il frutto dell’ordalia dei social, dove tutti dicono e sparano a zero su tutto e tutti.
    Riflettere e misurare il metro di giudizio non è un’arte difficile ma equivale ad avere quel minimo di buon senso, di cui siamo dotati, ma che per pigrizia non vogliamo usare

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...